Radio Contatto

LOGOVINOVOBLUES

SCOPRI

IL

 

templategratisonepagetemplateonepagegratias
tempaleonepage

Il Progetto di Radio Contatto


Dal 2012

la web radio che collabora

con il mondo musicale underground italiano


LOGOCONTATTO

Radio Contatto nasce nel 2013 con una ispirazione fortemente teatrale, dato che i suoi fondatori da oltre 20 anni, ormai, si esibiscono sui palchi di tutta Italia.

La passione per la musica ci porta verso l'underground italiano perché pensiamo che la missione della web radio sia quella di promuovere e divulgare la musica delle band, emergenti e non, nell'ottica di farle accedere a questo meraviglioso, intrigante, complicato, frustrante e creativo mondo della musica.

All'interno del palinsesto, attivo 24 ore su 24 ore, si trovano gruppi più o meno conosciuti che fanno vari generi, che vanno dal rock, al punk, al metal, al jazz, al blues, al folk, all'hip hop e alla musica elettronica, tutti appassionati e appassionanti.

I quasi 14.000 follower, che seguono Radio Contatto, ci permettono di continuare a trasmettere musica underground perché sono parte integrante di tutto il progetto.

Questa è la pura essenza della filosofia di Radio Contatto, supportata dai vari speaker e dallo staff che animano e continuano a far vivere ogni giorno “Radio Contatto”. Ci Troviamo a Vinovo a pochi passi da Torino.

001-line-chart.svg
002-bar-chart.svg
003-handshake.svg

FOLLOWER

ABBIAMO OLTRE 20000 FOLLOWER 


CRESCITA

RADIO CONTATTO HA FAME DI MUSICA 

Il SITO DELLA RADIO

CONTA DI 66.000 CLICK IN UN ANNO

Un grazie a tutti i  ricercatori di musica nuova!

Un grazie a tutti gli artisti che creano ogni giorno e credono nella musica!

Un  Abbraccio a tutti i nostri seguaci!

 I NOSTRI PROGRAMMI


226887738634679304794288343103720294964106n
revolution
iloveradiorock

WE GOT RADIO

Basket On Air

I LOVE RADIO ROCK

STAY ON

REVOLUTION

SHARE THE STAGE

Il Programma di Varetà di Radio Contatto con FABIO&ALE

 

Rock, Metal e tanto altro  per un viaggio nella musica con al timone Giamma.

Basket, Hip-Hop e tanto altro con GIGI 

CRISTIANO

KABALA BOP


 

Seblu vi accompagnerà con aneddoti poesie degli anni della contestazione condite con musica indipendente.

VIDEO MUSICALI

HIP-HOP

ROCK

CANTAUTORI

POP

ELETTRONICA

FOLK

SFONDOVINOVOBLUESPERSITO
LOGOVINOVOBLUES2

Scarica il

Programma

Completo e la Mappa

BLUES FESTIVAL VINOVO

LOGO61BLUESFESTIVAL
10/02/2017, 17:43

labestiadicarenne, legambebelle, musica, album, musica, news



La-bestia-CARENNE--"Le-gambe-belle"


 Primo estratto da "Coriandoli", nuovo lavoro dell’ensemble napoletano in uscita il 24 febbraio per Bulbart. Un disco electro-folk sulle prigionie e la libertà di una bestia sonora onnivora



"Coriandoli" è il titolo del nuovo disco de la bestia CARENNE, in uscita il 24 febbraioper Bulbart con licenza Creative Commons a tre anni dal precedente "Catacatassc’" (2014) e a sei dall’ep "Ponte" (2011).

Il nuovo lavoro dell’ensemble napoletano viene anticipato oggi dal singolo radiofonico "Le gambe belle", una canzone "che è la più truculenta del disco. Fare conoscenza con un estraneo, presentarsi: come ci approcciamo agli altri? La parola: scopare! ’Le gambe belle’ racconta la sessualità ostentata, la necessità di fottere o di essere fottuti senza finire per innamorarsi tra le lenzuola per potersi così abbandonare liberamente al corpo, alle ossa e al sangue. Perché conoscersi è un po’ come uccidersi. Un dolcissimo omicidio."

 
Artisticamente autoprodotto, "Coriandoli" è stato registrato tra l’isola di Procida, Cuma e il centro storico di Napoli, dove il quartetto napoletano ha sigillato nove canzoni imprevedibili, sorrette da una visione del folk spiccatamente obliqua e mescidata fra acustico elettrico ed elettronico, accorpando disparati frammenti sonori e suggestioni assortite in una forma di cantautorato viscerale, che preme sulle costole di chi ascolta immaginando architetture vorticose.

Un approccio, quello de la bestia, perfettamente riassunto dal titolo, con i coriandoli a dischiudere significati nel loro essere "frammenti marginali gettati per terra senza neppure la premura di spazzarli via. L’eco dopo il carnevale, la festa e la beffa, il fuoco e i pupazzi bruciati. Il ribaltamento controllato e momentaneo dello status quo che palesa i rapporti di potere e li manifesta spavaldamente. Ma dopo la baraonda si torna ad essere soli e schiavi ai margini della strada."

E se col potere ha qualcosa a che fare l’immagine carnevalesca, ciò avviene anche perché "Coriandoli", pur avvicinandosi solo all’idea di concept album, si muove sulla tematica definita delle prigionie, variandone l’accezione nei modi più differenti: il deserto della vita corporea, familiare, sociale e lavorativa; l’ipertrofia della sfera emotiva e psicologica; la fluidità acida delle sinapsi cerebrali. Lo stato di cattività come motore di un disco che sembra riscattarsi da queste costrizioni con un approccio sonoro sensibilmente libero.

Immaginate se per uno strano scherzo del tempo i cantautori italiani del Folkstudio si trovassero catapultati al Club to Club e viceversa. Ecco, il suono de la bestia CARENNEsta lì. In una dimensione inimmaginabile ma concretizzata da queste canzoni dagli equilibri complessi eppure fertili, dove il suono non è lucidato a puntino ma neanche lo-fi e la bestia si nutre di molteplici pietanze.
Traccia dopo traccia spuntano infatti sequenze elettroniche, casse dritte, ricami di acustica, rimasugli funky-rock suonati in un bar di Kabul degli anni ’70, brevi lande di synth cementizi, bassi che incedono guardinghi, gracidii di elettriche, code di dolceamara indolenza desertica, elementi di musica concreta vissuti come oggetti sonori. E poi soluzioni armoniche e ritmiche che ritornano lungo la tracklist e connettono fra loro le tracce. Tutto ciò mentre la voce è sempre un po’ inquieta e le parole sono tremori di dolore, rospi sputati, colpi di scalpello, getti di sangue e umori, versi da tenersi stretti.

"Coriandoli" apparentemente è un disco da ascoltare nella sua interezza e a cui dedicare tempo e attenzione: nonostante ciò nasconde un singolo radio schizofrenico e ballabile come "La notte di San Giovanni", ovvero l’electro-punk in salsa Carenne. E intanto si sente debitore verso il passato aprendosi con uno stretch-reverse dell’ultima traccia di "Catacatassc’" e chiudendosi con "Le mosche", brano che ha la palpitazione "di chi attraversa l’ultimo covo, l’ultimo tunnel, l’ultimo tormento, l’ultima prigione, l’ultimo drone. Perché alla fine, forse, la bestia esce dalla gabbia e respira." E l’aria è tutta piena di coriandoli.


https://www.facebook.com/labestiaCARENNE

Contatti
Macramè - Trame comunicative
info@macrameufficiostampa.it

Luca Barachetti
luca@macrameufficiostampa.it
349.6106668

Corrado Maffioletti
corrado@macrameufficiostampa.it
328.3691845


1
FOTOCHICAGO1
STRADAVINOVOBLUES
SAINTLUOIS2
MENPHIS3
NASHVILLE4
NEWORLEANS5

Media Partner

piccolo-teatro-comico-torino
birra-ceca-pub-82-rivoli
vinovo-run-corsa

CONTATTI

MAIL PER BRANI E PROGETTI

musicaradiocontatto@gmail.com

Radio Contatto - Web Radio Torino - Vinovo

Create a website